Juve-Milan è tra le classicissime del nostro calcio: le due squadre hanno dato vita nel corso degli anni a sfide storiche, che tutti ricordiamo per la loro spettacolarità ed importanza…

Milan-Juve 1-6

6 Aprile 1997: il giorno in cui Marcello Lippisbeffeggiò Arrigo SacchiMilan-Juve 1 a 6sotto gli occhi increduli del pubblico di San Siro! “Da qui passa lo Scudetto”, titolava la Gazzetta il giorno della sfida, immaginando una sorta di Scontro fra Titani, che si rivelò in realtà una gara senza storia, dominata in lungo e in largo da una sola squadra: la Juventus! Pronti via e i bianconeri passano con Jugovic, abile a ribattere in rete al volo una respinta di Sebastiano Rossi su conclusione insidiosa di Vieri. La squadra di Lippi è padrona del campo e raddoppia con Zidane, freddo nel trasformare il rigore concesso da Braschi per fallo di Maldini su Boksic! Chi si attende una Juve appagata dal doppio vantaggio al rientro in campo dopo l’intervallo si sbaglia di grosso, perché la formazione bianconera continua a spingere sull’acceleratore alla ricerca del tris… Detto fatto: è ancora Jugovic a trovare la via della rete, con un rasoterra chirurgico sul primo palo che coglie Rossi di sorpresa! Il tre a zero avrà saziato la fame dei lippiani? Neanche per sogno! Vieri e Amoruso hanno i fucili ancora carichi e fanno fuoco: prima Bobo, pescato in area da Tacchinardi aggira il portiere e deposita il pallone nella porta sguarnita, quindi Nick Dinamite si avventa rapace su una corta respinta di Rossi e lo supera con un astuto tocco mancino! Il Milan è in bambola, Sacchi, rassegnato, si è riaccomodato in panchina in attesa del triplice fischio… Anche Capitan Baresi ha issato bandiera bianca, ma Simone è l’ultimo ad arrendersi e regala ai suoi tifosi sconsolati l’unico sorriso, ancorché amaro, di una serata da dimenticare: corner di Baggio, destro al volo di Marco e Peruzzi non può far altro che raccogliere il pallone in fondo al sacco… Appena il tempo di rimettere il pallone al centro che la Juve già si riversa di nuovo nell’area avversaria col solito Vieri, che fa secco Rossi con un diagonale mancino che il portiere rossonero può soltanto sfiorare col piede! E con questo fanno 6! Povero Diavolo, che pena mi fa!

Il gol di Muntari

C’è poco da dire: quello di Muntari in Milan-Juve era gol! Il pallone era entrato di almeno un metro e mezzo, si vedeva ad occhio nudo, ma arbitro e guardalinee proprio non se ne accorsero… Altro che fantasma, quel gol era vivo e vegeto!

Manchester 2003

Il Milan dell’ex Ancelotti si aggiudica il primo storico euroderby italiano, battendo la Juve ai calci di rigore in quel di Manchester: decisivo il penalty di Shevchenko, che spiazza Buffon e regala la Coppa ai rossoneri!