Non sono poi tantissime le squadre italiane che hanno già tagliato il traguardo dei 100 anni. Tra queste sicuramente il Genoa, fondato nel 1893, che da anni porta fieramente sul colletto la scritta di “club più antico d’Italia”.

La Signora in rosa

Nel 1997 la Juventus ha celebrato i suoi 100 anni con una maglia rosa borseggiata di nero che richiamava i colori del liceo Massimo d’Azeglio di Torino in cui studiarono i primi fondatori del club.

Un Diavolo retrò

Nel 1999 toccò poi al Milan festeggiare i 100 anni: per l’occasione, i rossoneri scelsero di ritornare alle strisce più sottili e di esibire sul petto la croce di San Giorgio, simbolo della città di Milano.

Lazio, cambia solo il logo

Nel 2000 fu invece la Lazio ad entrare nel club dei centenari. Il marketing biancoceleste optò per una maglia bianca con inserti blu modificata nel logo, dove -insieme alla classica aquila- compariva anche il numero 100.

Toro ‘sopra la Juve’

Il Toro, appena risorto dal fallimento, ha celebrato il proprio centenario nel 2006, l’anno in cui la Juve fu retrocessa in serie B per effetto della sentenza ‘Calciopoli’. Maglia granata classico e logo con il Toro circondato dal numero 100 per la gioia di collezionisti e tifosi.

L’Inter torna “Ambrosiana”

Il 2008 è un anno importante per i nerazzurri che, tornati alla vittoria dello Scudetto, si preparavano a conquistare l’Europa. Con la croce di Milano sul petto: degno omaggio alla città per celebrare i 100 anni.

Il Bologna in…casacca!

Nel 2009 il Bologna sceglie il ritorno alle casacche di una volta, ispirate alla divisa del Collegio Schonberg di Rossbach, in Svizzera. Si trattava di una casacca a quarti rossoblù, con tanto di taschino e bottoni

Cagliari: uno sguardo al futuro

Decisamente ‘futuristica’ la scelta del Cagliari, che invece di affidarsi al passato, ha scelto una maglia piuttosto moderna nel design e nello stile: le bande rosse e blu “pennellate” che formano una croce sul lato sinistro e anche lo stemma con i quattro mori è in rottura con la tradizione.