Il mito di Pep Guardiola è stato inoppugnabilmente sfatato: ecco perché…

Il Tiki Taka è morto!

L’inattesa eliminazione della corazzata City per mano del modesto Lione impone inevitabilmente alcune considerazioni su Guardiola, ancora una volta estromesso in malo modo dalla Champions… Come Sacchi prima di lui, Pep ha rivoluzionato il calcio, ma non si è mai evoluto, restando fedele a quel Tiki Taka, che oggi appare ormai morto e sepolto… Le uniche Coppe dei Campioni presenti nel ricco palmares del tecnico spagnolo restano le due vinte ai tempi di Barcellona e il dubbio che a fare la differenza fossero i vari Puyol, Xavi, Iniesta, Dani Alves e Messi piuttosto che i dettami dell’allenatore sorge spontaneo…

Milioni e fallimenti

Da quando ha lasciato la panchina blaugrana, Guardiola non è più riuscito ad andare oltre le semifinali di Champions, col Bayern prima e il City poi… E non si può certo dire che Pep si sia trovato nell’ingrata condizione di doversi arrangiare, facendo le nozze coi fichi secchi: dal giorno del suo insediamento a Manchester, l’ex tecnico del Barça ha speso quasi un miliardo di euro sul mercato, ingaggiando campioni del calibro di Bernardo Silva, Gündoğan e Gabriel Jesus, soltanto per citarne alcuni…

Un’eliminazione dopo l’altra

Chiamato per vincere la Champions, Guardiola sin qui non ci è mai riuscito, collezionando una lunga serie di clamorose eliminazioni alla guida di Bayern e City:

  • 2013/14, Bayern eliminato in semifinale dal Real Madrid
  • 2014/15, Bayern eliminato in semifinale dal Barcellona
  • 2015/16, Bayern eliminato in semifinale dall’Atletico Madrid
  • 2016/17, City eliminato agli ottavi dal Monaco
  • 2017/18, City eliminato ai quarti dal Liverpool
  • 2018/19, City eliminato ai quarti dal Tottenham
  • 2019/20, City eliminato ai quarti dal Lione