Non si può certo dire che Rocco Commisso abbia peli sulla lingua. Anzi. Il vulcanico patron viola, resosi protagonista di una vibrante protesta nei confronti della classe arbitrale dopo la partita di campionato contro la Juventus, torna a parlare della situazione in casa viola affrontando il tema più spinoso, ossia il futuro di Federico Chiesa.

“Se Chiesa vuole andarsene…”

Commisso prende di petto l’argomento e, ai microfoni di Radio Bruno, cede la palla al suo gioiello:

Se Chiesa vuole andarsene, basta che me lo dica. L’importante e’ che arrivino i soldi giusti, e lo accontenteremo. Non metto veti per il suo eventuale passaggio alla Juventus ma ci sono anche altre squadre fuori dall’Italia che lo vogliono. Lasciamolo stare per ora, abbiamo un buonissimo rapporto sia con lui che con suo padre

Grana contratto

70 milioni di euro. Tanto aveva chiesto, in estate, la dirigenza gigliata per intavolare una trattativa per il proprio gioiellino. Che, non è un mistero per nessuno, aveva già raggiunto da tempo un accordo con la JuventusCommisso però si è impuntato e non ha voluto cedere il fiore all’occhiello della squadra: una decisione che ha finito per deludere il calciatore e far crollare drasticamente il prezzo del suo cartellino. L’attuale contratto di Chiesa con la viola scadrà tra due anni.

“Basta parlare di Chiesa…”

Incalzato ancora sul destino di Chiesa, Commisso taglia corto, negando però qualsiasi offerta di rinnovo:

Mi sono stancato di parlare di Chiesa perche’ ci sono altri giocatori. E’ una fake-news che gli ho fatto una super-offerta di rinnovo. La cosa importante e’ che ci sono calciatori che hanno dimostrato che hanno voglia di restare a Firenze come Vlahovic e Castrovilli

Parole che sanno di un rapporto tra le parti ancora piuttosto freddo, al di là delle smentite di rito…