Adriano Galliani e Zlatan Ibrahimovic, come ai vecchi tempi. I due hanno condiviso l’esperienza rossonera tra il 2010 e il 2012 e, nei piani dell’ex ad rossonero, potrebbero anche finire per ritrovarsi insieme sotto l’emblema del Monza



Addio amaro

Si erano lasciati male, Zlatan e Adriano quando, nel lontano 2012, Galliani ‘costrinse’ Ibra ad accettare l’offerta del Psg per esigenze di bilancio: una prigione dorata, quella parigina, che lo svedese non ha mai amato fino in fondo, tanto da non rivolgere più la parola a Galliani per diversi anni dopo l’addio. Oggi però, con il ritorno in rossonero di Ibra, le cose sono cambiate e i due hanno ritrovato il feeling di un tempo, grazie anche alla mediazione di Mino Raiola, agente del calciatore e prezioso alleato di Galliani in sede di calciomercato.



Insieme al Monza?

E, forte del feeling ritrovato, sono mesi che Galliani ammicca alla possibilità di portare Ibra al Monza: un’operazione suggestiva che potrebbe dare ai brianzoli quell’appeal internazionale che al momento manca e consentirebbe ad Ibra di vivere l’ultima grande sfida della sua strepitosa carriera.



Contatto, ma…

Galliani e Ibra si sono effettivamente incontrati per discutere di un eventuale passaggio a Monza dello svedese. A rivelarlo è lo stesso Galliani che però, da dirigente consumato, frena subito gli entusiasmi:

Mi sono incontrato con Ibrahimovic settimana scorsa, c’è sempre un grande legame tra di noi, ma credo che il suo ingaggio sia fuori dalla nostra portata e da quella di tanti club di Serie A

Già, l’ingaggio. Un problema che sembrava irrisolvibile anche quella notte d’estate inoltrata del 2010, quando Zlatan da Barcellona imboccava la via del ritorno per Milano. Tutti però sappiamo com’è andata a finire