Ciò che poteva essere e, invece, non è stato. Ossia la storia di un grande amore calcistico: l’avventura di Icardi all’Inter si è conclusa ufficialmente ieri, quando l’argentino ha firmato il suo nuovo contratto con il PSG. Sei anni, quelli nerazzurri di Icardi, contrassegnati da tanti gol (oltre 100) e qualche momento difficile scatenato dai comportamenti dell’ormai ex numero 9 interista. Andiamo a ripercorrerli…

#1 Le vacanze hot con Wanda

La prima incrinatura a nel rapporto tra Icardi e i tifosi nerazzurri risale all’estate 2014, dopo la prima (convincente) annata interista di Maurito, conclusa però con delle vacanze totalmente documentate via social in compagnia di Wanda Nara, spesso e volentieri ritratta in pose un po’…osè. Era solo l’inizio della unga querelle con Wanda a cui avremmo assistito nei mesi successivi, e alle tante critiche piovute via social, Mauro aveva semplicemente risposto che, in vacanza, poteva fare ciò che voleva…

#2 La lite al Mapei Stadium

Febbraio 2015: l’Inter viene sconfitta per 3-1 a Reggio Emilia contro il Sassuolo e, a fine gara, nello spicchio di stadio occupato da tifosi ospiti scatta la contestazione. Mauro Icardi e Fredy Guarin si vedono rilanciare indietro la propria maglia dai tifosi e l’argentino se ne esce con un plateale “Pezzi di m…” rivolto ai suoi stessi tifosi. Un comportamento che segna la definitiva rottura tra le parti.

#3 L’autobiografia

Siamo nell’ottobre 2016 quando Icardi decide di vuotare il sacco e rivelare le sue verità per mezzo di un’autobiografia, pubblicata alla tenera età di 23 anni. Una decisione quantomeno particolare, che sfocia nell’assurdità se si pensa che tra le pagine del libro si leggono segreti di spogliatoio e della società che lui, capitano, decide di svelare al mondo in maniera decisamente imprudente. E, tra le altre cose, minaccia apertamente i ragazzi della Curva Nord, definendosi pronto a chiamare non meglio precisati “amici sudamericani” per sistemare i conti dopo il fatto di Reggio Emilia…

#4 Wanda procuratore

In barba a qualsiasi regolamento ufficiale, che richiede una dura selezione e una preparazione sulle norme di diritto sportivo ed europeo, Mauro Icardi ha deciso di affidare la propria procura alla moglie Wanda, lasciando il precedente agente  Abian Morano nel 2015. Da allora il rapporto con il mondo Inter si è fatto ancora più tormentato, tanto da essere arrivati alla rottura definitiva anche in seguito alla partecipazione dell’ex show-girl in una nota trasmissione televisiva.

#5 La fascia ‘revocata’

La storia è ormai nota: lo spogliatoio insorge contro Icardi a causa delle dichiarazioni in tv di Wanda, che addita la crisi da gol del marito alla “mancanza di supporto” da parte dei compagni. L’Inter non tollera più il comportamento dell’agente e il 13 febbraio toglie la fascia da capitano a Icardi in favore di Hanndanovic. Maurito, deluso, rifiuta di partire per Vienna (dove l’Inter era impegnata in Europa League) e lamenta un non precisato dolore al ginocchio per i successivi due mesi. Senza il suo contributo, i nerazzurri centreranno la qualificazione in Champions all’ultima giornata…

Copy:  FootyRenders