Parma è, da sempre, terra di grandi attaccanti. Qui sono saliti alla ribalta nazionale ed internazionale alcuni dei più forti centravanti della storia recente del calcio. Dai giocatori di grande classe ai palloni d’oro, dai rapaci d’area di rigore alle promesse che però, purtroppo, si sono persi per strada. Scopriamo insieme la top 10 degli attaccanti crociati all time…

#10 Hristo Stoickhov

Decimo posto ma non certo per mancanza di classe. Solo che, in Emilia, arrivò da Pallone d’Oro e non riuscì mai ad esprimersi ai suoi livelli: di lui resta qualche giocata degna di nota e un velo di rimpianto…

#9 Sebastian Giovinco

La Formica Atomica ha scritto belle pagine in maglia crociata mettendo a segno 22 reti in due stagioni prima di tornare alla casa madre e scoprirsi bomber giramondo (ha giocato in Canada e oggi in Arabia Saudita).

#8 Adrian Mutu

Una sola stagione, ma che stagione quella di Mutu al Parma! 18 reti in 31 presenze di campionato, 4 in 4 apparizioni in Europa League. Praticamente una sentenza!

#7 Marco Di Vaio

Salerno gli concesse la vetrina della serie A, Parma gli valse la riconferma. Sbarcò in Emilia 23enne e, nel giro di due stagione, mise a segno qualcosa come 42 gol. Lui, che non era certo una classica prima punta…

#6 Enrico Chiesa

Un’ira di Dio. Enrico Chiesa è il classico calciatore che ha saputo farsi amare in tutte le piazze in cui ha giocato per la sua proverbiale “botta da fuori”, ma anche per il suo grande spirito di sacrificio.

#5 Adriano Leite Ribeiro

Forse il più grande rimpianto, fra tutti i nomi della nostra top ten. Nel suo anno e mezzo a Parma fu semplicemente devastante: i tifosi crociati si sono goduti senz’altro il miglior momento di forma di un campione poi scopertosi fragile…

#4 Alberto Gilardino

Guai toccare il Gila ai parmigiani! Il centravanti biellese ha risposto presente in uno dei momenti di maggior difficoltà della storia crociata, quando la società era ad un passo dal fallimento, e con le sue valanghe di gol salvò il Parma dalla serie B.

#3 Gianfranco Zola

Insieme, il Parma e Zola sono diventati grandi, vincendo tutto e regalandosi una ribalta europea: la storia è po nota, un rapporto complicato con Ancelotti gli valse un biglietto di sola andata per Londra, ma l’amore per lui dei parmigiani è rimasto immutato.

#2 Faustino Asprilla

Leggendario per le sue gesta in campo e per quelle fuori, Tino Asprilla fu uno dei grandi protagonisti del ciclo vincente di Nevio Scala, con cui vinse due coppe Uefa, una Supercoppa e una Coppa delle Coppe. Tornò poi in Emilia per chiudere la carriera a fine anni ’90.

#1 Hernan Crespo

Ma il re dei bomber di Parma è senz’altro lui, Hernan Crespo. Valdanito per i parmigiani non sarà mai soltanto un calciatore, ma una vera e propria icona capace di farsi amare da tutti e rappresentare nel mondo la città. Anche lui, dopo aver vinto Coppa Italia, Coppe Uefa e Supercoppa Italiana con Malesani, sentì il richiamo dell’Angiol d’Or che svetta sulla città e tornò in Emilia per chiudere la carriera.