Cosa si nasconde sotto la maglia? Spesso una dedica da mostrare dopo un gol: ecco le più originali…

1) Totti

Ricordiamo ancora tutti la dedica di Francesco Totti alla sua Ilary dopo un gol segnato nel derby: l’allora capitano della Roma esultò mostrando una maglia con la scritta: SEI UNICA! Un messaggio d’amore alla donna della sua vita, entrata di diritto nella storia!

2) Balotelli

È entrata di diritto nell’immaginario collettivo anche la maglia mostrata da Mario Balotelli in una sfida tra Manchester City e United sulla quale campeggiava la scritta: WHY ALWAYS ME? Una provocazione che l’attaccante bresciano lanciò ai suoi detrattori, domandando ironicamente perché ce l’avessero sempre con lui…

3) Kaká

Fedele seguace degli Atleti di Cristo, Kakà palesava la sua fede anche in campo, rimarcando il profondo legame con Gesù attraverso l’iconica frase I BELONG TO JESUS, stampata sulla canotta indossata sotto la maglia da gioco!

4) Osvaldo

Se Francesco Totti aveva schernito i cugini biancocelesti con la frase VI HO PURGATO ANCORA, Pablo Daniel Osvaldo fece lo stesso dopo un gol nel derby, mostrando sotto la maglia la scritta: VI HO PURGATO ANCH’IO!

5) Vucinic

La nascita di un figlio, specie il primo, è la gioia più grande, un’emozione indescrivibile, che ti cambia la vita! È stato così anche per Mirko Vucinic, che festeggiò l’arrivo del primogenito Aleksandar con una dedica speciale sotto la maglia: MI HAI REGALATO UN SOGNO. ALEKSANDAR… TI AMO…