Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

I tifosi votano la cavalcata di Theo come Goal del mese di Maggio

Il coast to coast del difensore, valso il 2-0 contro l’Atalanta, è stato scelto come miglior goal dai follower di StarCasinò Sport e AC Milan.

Theo Hernandez, e non poteva essere altrimenti. Il coast to coast del difensore, valso il 2-0 contro l’Atalanta, è stato scelto come miglior goal del mese di maggio dai follower di StarCasinò Sport e AC Milan. Un gol che ha chiuso i conti con la Dea e proiettato il Milan verso il 19esimo Scudetto della sua storia.

Theo come Weah

Minuto 75′ di un match tiratissimo dove il Milan (in vantaggio per 1-0 grazie al gol di Leao) si gioca una buona fetta di Scudetto contro un’ Atalanta che, da par suo, cerca punti per la rincorsa Champions. Solo che la Dea non ha ancora fatto i conti con la potenza di Theo Hernandez. Il terzino sinistro recupera palla al limite della propria area di rigore, inserisce il pilota automatico e parte in velocità. Dieci, venti, trenta metri: si mangia il campo ed evita avversari come birilli. Ignora anche le sbracciate dei compagni e gli inviti (quasi spazientiti!!!) di San Siro a scaricare palla su qualche compagno. Quaranta, cinquanta, sessanta metri: supera Koopmeiners in velocità, si infila quasi in un cul de sac tra Djimsiti e Palomino, ma lui continua -imperterrito- a correre, facendoli andare a sbattere l’uno sull’altro. Settanta, ottanta metri, è il momento di provarci davvero: apre il goniometro, prende la mira e incrocia sul palo lontano. E’ il gol del 2-0, sì. ma probabilmente è anche il gol del (nuovo) secolo: roba che a San Siro non si vedeva dal 1996 quando George Weah percorse palla al piede cento metri in quattordici secondi, scaricando poi in rete la sua progressione tutta classe e potenza che aveva tagliato a fette la difesa del Verona.

“Il mio goal più bello”

Che fosse un gol storico se n’è reso subito conto anche lo stesso Theo, che ha subito dedicato la sua prodezza al piccolo Theo jr, il figlio avuto con la compagna Zoe Cristofoli, alla sua prima assoluta alla Scala del Calcio:

Quando sono partito palla al piede mi sono detto: ‘vado fino in fondo’. Ho fatto un gol incredibile, il più bello della mia vita. Stasera non guarderò la partita dell’Inter, andrò subito da mio figlio, che oggi era per la prima volta presente a San Siro

Non solo i tifosi, ma anche gli stessi compagni sono andati letteralmente in delirio per la prodezza di Theo. Mike Maignan, ad esempio, sui suoi social ha commentato così:

Neanche Messi ha mai fatto qualcosa del genere

La rivincita di Theo (e di Maldini)

E pensare che fino a qualche anno fa, si diceva che Theo non avesse la stoffa per giocare a certi livelli. Non a caso il Real Madrid aveva scelto di fare cassa con la sua cessione: meno di 20 milioni di euro e una marea di rimpianti per uno dei terzini sinistri più forti al mondo. A credere in lui è stato -fin da subito- un certo Paolo Maldini: uno che sulla fascia sinistra ci ha passato un’intera carriera. Si dice che a Paolo sia bastato un veloce pranzo a Ibiza per convincere Theo a diventare rossonero: le offerte non gli mancavano, ma Theo, lusingato dalle attenzioni del più grande terzino della storia, ha scelto il Milan per diventare grande e seguire le orme di Paolo. Finora con ottimi risultati, ma la sensazione tra i tifosi milanisti è che il meglio debba ancora venire