Dici Van Dijk e pensi al più forte difensore in circolazione, ma un tempo non lo voleva nessuno: l’avreste mai immaginato?

Sottovalutato!

Ci aveva visto lungo David Moss, ex capo scout del Celtic, quando pescò Virgil Van Dijk dal Groningen, ma nessun altro, inizialmente, sembrava accorgersi del talento dell’olandese:

Van Dijk lo abbiamo preso dal Groningen in Olanda. La compravendita dei calciatori era l’unico modo in cui potessimo fare qualche soldo, quindi cercavamo giocatori che potevamo rivendere dopo due o tre stagioni in Premier League. E direi che è andata bene sia per noi che per loro. Tutti al Celtic credevamo in lui, ma un sacco di gente nel mondo del calcio no. Per me, non aveva bisogno di andare al Southampton, era già pronto per passare dal Celtic a una big. Ma nessuno è stato abbastanza coraggioso da acquistarlo.

Accattatevillo!

Malgrado le eccellenti prestazioni di Van Dijk nel Celtic, le big della Premier non erano disposte a scommettere su di lui, ignorando le raccomandazioni di Moss, che ne consigliava l’acquisto a tutti:

Quando era al Celtic, il numero delle squadre di Premier League che mi telefonava chiedendo di lui era impressionante. E io dicevo a tutti la stessa cosa: ‘È come un uomo che gioca a calcio con dei bambini, si vede lontano un miglio. Compratelo, non pensateci neanche’. Era veloce, vinceva tutti i contrasti di testa e gli uno-contro-uno, faceva passaggi da 40 metri con entrambi i piedi e segnava persino i calci di punizione. Ma, incredibilmente, continuavo ad ascoltare scuse per non prenderlo. C’era chi parlava delle sue prestazioni in Champions, ma anche chi diceva che essere così dominante in Scozia non contava nulla. La gente non mi ascoltava.