Come spesso accade, le parole di Antonio Cassano hanno creato un putiferio sul web. E come non pensare che potesse essere così quando, commentando i fischi riservati dai tifosi romanisti a Luciano Spalletti, l’ex Pibe de Bari si era permesso di mettere in discussione una leggenda come Francesco Totti, peraltro suo grande amico ai tempi della comune esperienza alla Roma…



“Chi si ricorderà di Totti?”

Cassano non ha dubbi: nel giro di qualche anno Roma volterà le spalle al suo Capitano. Queste le sue parole ai microfoni della Bobo Tv  che hanno fatto infuriare i tifosi giallorossi:

Totti non è eterno come Messi o Maradona, tra 20 anni sarà dimenticato. Una volta c’era Conti, poi Totti, magari ci sarà Pellegrini. Anche De Rossi era capitan futuro, ma Daniele quasi è andato nel dimenticatoio, anche se per me è eterno. Io in 20 anni non ho mai visto uno così attaccato alla Roma, l’ho visto piangere dopo un derby perso. Totti teneva alla Roma? De Rossi 100 volte di più. Totti è romanista, De Rossi di più, se lo tagli il sangue esce romanista



La risposta di Totti

E Totti? Finora silenzio assoluto dal lato del Pupone che però, intercettato da Le Iene, ha voluto smorzare le polemiche e perdonare così la sparata dell’ex compagno:

Cassano dice che tra 20 anni sarò dimenticato? È giusto, io è da mo che me so’ scordato. Zeman e Mourinho mi hanno difeso, ma non ce n’era bisogno. Un saluto all’ex amico Cassano? Nooo! Antonio è un amico, quale ex!

Totti getta così acqua sul fuoco e chiude la polemica con Cassano, suo grande amico ai tempi della Roma. Fantantonio è così perdonato, almeno fino alla prossima Cassanata