Stefan Edberg è stato uno dei giocatori più eleganti che si siano mai visti su un campo da tennis. La classe dell’ex fuoriclasse svedese è, ancora oggi, riconosciuta e ammirata da ogni fan del mondo del tennis.

Nato per eccellere sull’erba…

Classe 1966, lo svedese, sin dagli inizi, si è distinto per la sua enorme classe in campo. Merito del suo stile di gioco. Stefan Edberg è sempre stato un maestro del “serve and volley”, forse il più grande interprete di sempre in questo complicato stile di gioco. Nel corso della sua brillante carriera, ha vinto ben 41 tornei in singolare e 18 nel doppio. Tra le vittorie più prestigiose in singolare, spiccano sei titoli del Grande Slam. In particolare spiccano i due trionfi a Wimbledon (1988 e 1990), il torneo più adatto alle peculiari caratteristiche dello svedese. Curiosamente entrambe le vittorie sull’erba londinese sono arrivate ai danni di Bors Becker

Il mio gioco era serve and volley, era la mia arma migliore ed ho espresso il mio miglior tennis. Oggi il tennis è molto cambiato, i materiali con cui son costruite le racchette e le corde hanno influito su questo cambiamento, i campi poi son più lenti e far quel gioco è più difficile

Un maestro d’altri tempi…

Stefan Edberg è stato un maestro d’altri tempi. Il suo tennis, dispendioso ma armonioso, ha esaltato ogni amante del tennis. Per certi versi, Stefan Edberg ha passato il testimone, in quanto ad eleganza e classe, a Roger Federer. Si pensi che i due hanno anche lavorato insieme. Stefan Edberg è stato allenatore dello svizzero per due anni (dal 2013 al 2015). In un epoca in cui il tennis era florido di fuoriclasse (da Ivan Lend a Boris Becker, passando per Pete Sampras e tanti altri), Stefan Edberg ha danzato in campo. Il suo “serve and volley” è diventato leggendario…