Aria di derby all’ombra della Madonnina, dove mai come quest’anno la stracittadina potrà dare indicazioni importanti sul destino di uno dei campionati più combattuti di sempre. In palio infatti non ci sono solo i tre punti, come spesso accadeva di recente, bensì il primato in classifica. Un motivo in più per innamorarsi di una delle partite più suggestive del mondo: noi di StarCasinò.sport abbiamo affidato a due top players come Luca Mastrangelo e Carlo Pellegatti il compito di analizzare il derby della Madonnina…

E’ arrivato il sorpasso

21 giornate. Tanto è durato il primo posto del Milan, che è dovuto capitolare alla 22esima cedendo il passo ai rivali di sempre, proprio nella settimana pre-derby: la sconfitta rossonera al Picco di La Spezia e la contestuale vittoria nerazzurra a San Siro contro la Lazio hanno sancito il tanto atteso (almeno sulla sponda nerazzurra del Naviglio) sorpasso. Ora a guidare la classifica c’è l’Inter di Conte, ma il Milan avrà subito la possibilità di invertire nuovamente le posizioni.
Ci riuscirà?



Tra fair play e sfottò

Una rivalità accesa, ma sempre confinata nel perimetro del fair play e dello sfottò. Questo è il derby della Madonnina: Pellegatti e Mastrangelo ripercorrono la loro galleria dei ricordi partendo dal tema coreografie e scegliendo dalla propria memoria i derby indimenticabili per i propri colori. Quindi la nostra ‘strana coppia’ analizza il momento delle rispettive squadre, concordando sul fatto che la stracittadina è partita che sfugge a qualsiasi pronostico.