Quando un allenatore vede i suoi calciatori svogliati e distratti, ci sta che perda la pazienza: così, inevitabilmente, sbotta e manda tutti a lavorare!

Tutti in fabbrica!

Ogni allenatore reagisce alla sconfitta in modo diverso dagli altri: c’è chi porta la squadra in ritiro, chi sottopone i propri calciatori ad estenuanti sedute di allenamento e chi invece manda tutti a lavorare! Così ha fatto Paolo Tramezzani dopo aver visto il suo Lugano incassare cinque gol dal Thun! A far perdere le staffe al tecnico italiano non è stato il ko in sè, bensì l’atteggiamento molle e indolente dei suoi giocatori: per questo li ha obbligati a recarsi in fabbrica alle 6 del mattino!

Lavoro e sudore!

Un modo inusuale di motivare la squadra, ma senza dubbio efficace quello scelto da Tramezzani per “far vedere ai giocatori come lavora e si suda i soldi la gente comune”. Così, la rosa del Lugano F.C. al gran completo si è presentata all’alba in una fabbrica di vernici a Davesco, dove i calciatori della formazione elvetica hanno avuto l’occasione di incontrare gli operai e dialogare con loro…

No comment!

Il Presidente del Lugano, Angelo Renzetti, ha preferito non entrare nel merito limitandosi ad avallare la scelta del suo allenatore:

Non voglio immischiarmi, Tramezzani con la squadra può fare ciò che vuole!