Lo chiamano mercato di riparazione, con il chiaro obiettivo di sistemare le lacune evidenziate dalle squadre nei primi mesi di campionato: tradizionalmente più ‘povero’ rispetto al suo omologo estivo, il calciomercato invernale ha comunque riservato alcuni colpi in grado di far svoltare la stagione delle rispettive squadre. Scopriamo insieme alcuni dei casi più famosi…



Grandi colpi a gennaio

  • HIDETOSHI NAKATA (ROMA, 1999-2000)
    Trenta i miliardi di lire che la Roma sborsò al Perugia per il giapponese Nakata: un’operazione di marketing, oltre che tecnica, che però si rilevò decisiva -l’anno successivo- per la conquista del terzo Tricolore dei giallorossi, visto che il Samurai fu il grande protagonista della rimonta nella sfida scudetto contro la Juventus.

  • ADRIANO (INTER, 2003-2004)
    Dopo averlo ceduto al Parma in comproprietà, l’Inter di Moratti e Mancini decise di riprendersi intero cartellino dell’Imperatore Adriano nel gennaio del 2004. E furono subito valanghe di gol: 9, nei suoi primi sei mesi nerazzurri, fondamentali per l’accesso ai preliminari di Champions League.

  • ANDREA BARZAGLI (JUVENTUS, 2010-2011)
    Arrivato a gennaio come rincalzo ‘low cost’, Barzagli si rivelerà invece fondamentale per blindare la difesa della Juventus negli anni a venire. Grazie all’esperienza maturata in Nazionale e nella sua esperienza in Germania, il difensore toscano sarà uno dei componenti della B-B-B-C, un quartetto perfetto nell’orchestra di Antonio Conte prima e di Allegri poi.

  • MARIO BALOTELLI (MILAN, 2012-2013)
    Cresciuto nelle giovanili dell’Inter ma rossonero da sempre, Balotelli coronò il suo sogno di giocare nel Milan il 31 gennaio 2013, quando Adriano Galliani lo riportò in Italia dal Manchester City. E tra Mario e i rossoneri fu subito feeling: sarà lui a qualificare i rossoneri alla Champions League a suon di reti!

  • RADJA NAINGGOLAN (ROMA, 2013-2014)
    Nel Cagliari si era imposto come uno dei centrocampisti più interessanti della serie A, ma fu il trasferimento a Roma a far fare il salto di qualità a Radja Nainggolan, che diventerà subito uno degli elementi fondamentali del centrocampo di Rudi Garcia.

  • MOMO SALAH (FIORENTINA, 2014-2015)
    Grande colpo per la Fiorentina nel gennaio 2015: i viola puntarono tutto sull’egiziano Salah, poco convincente nel Chelsea, restituendo smalto ad uno dei più grandi talenti degli ultimi anni. Dopo 9 reti nei suoi sei mesi in viola, Salah passerà alla Roma e quindi al Liverpool, dove si consacrerà come uno dei più forti di sempre.

  • ZLATAN IBRAHIMOVIC (MILAN, 2019-2020)
    Sul suo conto si era detto di tutto: che fosse rotto, che veniva da un campionato quasi dilettantistico, che non potesse tenere i ritmi della serie A. La verità è che, anche a 39 anni, Zlatan Ibrahimovic è ancora un fuoriclasse e il suo ritorno al Milan ha convinto tutti, anche i più scettici.