Fa effetto pensare a Zlatan Ibrahimovic con la maglia del Verona, eppure stava per succedere davvero. L’attaccante svedese, oggi simbolo della rinascita rossonera, anni fa era ad un passo dalla società scaligera: una decisione che, chissà, forse avrebbe cambiato il corso della sua carriera…



“Era già venuto a Verona, ma poi…”

A svelare il clamoroso retroscena è stato Rino Foschi, direttore sportivo dell’Hellas tra il 1998 e il 2002, che ha raccontato così la trattativa per Ibra ai microfoni de La Gazzetta dello Sport:

Quando ero al Verona di Battista Pastorello avevamo scovato un trequartista del Malmoe. Un giovanissimo Federico Pastorello aveva già ottenuto il sì della famiglia, ma non osammo spendere 5 miliardi per quel ragazzo che era già venuto a Verona per conoscere l’ambiente. Era Zlatan Ibrahimovic

Nel 2001 Zlatan passò dal Malmoe all’Ajax e la sua carriera decollò con la maglia dei Lancieri, che lo cedettero alla Juve nel 2004. Quel ragazzo svedese di origine slava sarebbe diventato uno dei più forti calciatori di sempre, con buona pace di Rino Foschi e dei dirigenti scaligeri, che ancora oggi rimpiangono quell’affare sfumato che avrebbe sicuramente cambiato la storia di Ibra. E del Verona.