E’ un legame speciale, quello tra Gigi Buffon e il Parma, la squadra che ha battezzato gli esordi dell’ex numero 1 della Nazionale e che potrebbe concedergli anche la passerella finale di una carriera straordinaria (anche se questo dipenderà solo dalla volontà del portierone di Carrara). Un legame, dicevamo, che non si è costruito soltanto sul campo, ma anche…sugli spalti: prima ancora di esordire con la maglia crociata, Buffon era infatti un fervente tifoso dei ducali, tanto da concedere anche una trasferta (indimenticabile) insieme ai ragazzi della curva…



Quella notte a Wembley…

Premessa: che Buffon da giovanissimo tifasse Genoa è cosa nota. Più volte il portierone azzurro -nativo di Carrara, già in Toscana ma ad una manciata di km dal confine ligure- in passato ha espresso il desiderio di giocare un giorno per il suo Grifone. Solo che il destino, almeno fino a questo momento, sembra avere altre sfide in serbo per lui. E il Parma è il club che, dopo la Juventus, ha segnato di più Buffon sul piano umano. Tanto che, il 12 maggio 1993, l’allora portiere delle giovanili gialloblù andò a Wembley insieme alla curva per tifare i crociati impegnati nella prima -storica- finale di Coppa della Coppe della storia, vinta poi 3-1 contro l’Anversa. Sul web circolano ancora le foto di un giovanissimo Buffon perfettamente ‘mimetizzato’ tra i 12mila parmigiani presenti sugli spalti per sostenere Minotti e compagni e spingerli alla vittoria della prima coppa europea della storia del club emiliano. Due anni dopo, quel ragazzino con la bandana gialloblù avrebbe fatto il suo esordio, sul prato del Tardini, nel calcio dei grandi. E, da allora, sappiamo tutti cosa è successo…