La sconfitta nella semifinale di ritorno contro il Chelsea mette fine all’avventura del Tottenham in Coppa di Lega: sfuma così il primo obiettivo stagionale (forse quello più alla portata) per Antonio Conte e i suoi Spurs, attualmente alle prese con la difficile risalita della classifica in campionato, e già estromesso anche dalla Conference League.

“Mercato? Il club faccia ciò che vuole”

Quando aveva accettato l’offerta del Tottenham lo scorso 2 novembre, Antonio Conte aveva subito evidenziato la necessità del club ddi rinforzarsi in sede di calciomercato per tornare ad essere competitiva. Alle parole del tecnico salentino però non sono però seguiti (almeno finora) i fatti da parte del club, tanto è vero che Conte è apparso piuttosto disilluso ai microfoni della conferenza stampa di preparazione del match contro il Chelsea:

Io ho parlato chiaro con il club, sanno perfettamente cosa penso e quale situazione ho trovato quando sono arrivato e adesso. Aspettative? No, non ho alcuna aspettativa, poi il club decida ciò che vuole…

Parole chiaramente polemiche nei confronti di una proprietà che, finora, non ha ascoltato le sue richieste di mercato (si parla di almeno 4 acquisti già nella sessione invernale). Per rinsaldare il rapporto tra Conte il Tottenham serve un restyling urgente della rosa: Paratici e Levy sono avvisati…