E’ stato il colpo del secolo, almeno per i tifosi del Fenerbahçe. Che però, una volta scesi in piazza per festeggiare il ritorno a casa del loro beniamino Mesut Özil hanno scoperto che a finanziare il trasferimento sarebbero stati…proprio loro!

Un’operazione da record

Mesut Özil è tornato a casa, a 32 anni suonati. Il centrocampista tedesco (ma turco di terza generazione) ha infatti scelto di proseguire la propria carriera nel Paese a cui sono legate le sue origini, scegliendo di accasarsi al Fenerbahçe, la squadra del cuore sua, di suo padre e di suo nonno. Per farlo, il Campione del Mondo 2014 ha accettato un cospicuo taglio di stipendio (si parla del 40%), e ha firmato un contratto da tre anni e mezzo da 4 milioni di euro a stagione. Una cifra importante per un club che non versa esattamente in buone acque, considerato che il Fener avrebbe un debito complessivo che supera i 500 milioni di euro.



“Tifosi, inviateci sms!”

E così al presidente del club è venuto il lampo di genio: perchè non far contribuire i tifosi all’operazione? Ali Koc ha infatti fatto un appello ai fan del Fener affinché si mettessero una mano sul cuore (e una sul portafogli) per finanziare il grande colpo: in pochi giorni è nata la “campagna Mesutol” che consiste nell’invio di un sms da 2 euro al numero 1907 (anno di fondazione del Fenerbahce) per raccogliere i fondi necessari. Il Presidente del club ha spiegato il suo progetto sulle colonne del Daily Mail:

Abbiamo una richiesta per i nostri tifosi. Per favore continuate ad appoggiarci, dipendiamo anche dal vostro sostegno finanziario. Quando firmerà, vi chiederò di battere un record di sms, inviandone 300.000 o 500.000 o forse anche un milione. Questo vostro supporto ci servirà moltissimo

Un’operazione ben studiata che ha contribuito a riportare il club al centro della scena turca e ha creato un’eco anche a livello mondiale. Le maglie numero 67 di Özil sono subito andate a ruba e il Fenerbahce ha organizzato una grande campagna di marketing per accogliere da eroe il suo nuovo top player.

Copy: kiniklialp