In Italia è considerato uno degli allenatori emergenti più interessanti sulla piazza, sia per il lavoro con i giovani, sia per la qualità del gioco espresso dal suo Sassuolo. Normale quindi che, da tempo, su Roberto De Zerbi si siano accesi i riflettori del grande calcio e che il so nome venga accostato alle big del pallone italiano, ma non solo…



Shakhtar Donetsk: offerta choc!

Sì, perchè nonostante le tante voci degli ultimi mesi, l’unica offerta concreta a De Zerbi pare sia arrivata dall’Ucraina, dove lo Shakhtar Donetsk vorrebbe costruire su di lui un nuovo ciclo che ricalchi il solco della tradizione del club. Stiamo parlando quindi di calcio arioso e offensivo, con la conferma in rosa dei tanti talenti brasiliani che hanno creato una piccola enclave di Brasile nel cuore delle steppe. E De Zerbi, con il suo 4-3-3, sarebbe l’uomo giusto per continuare un progetto tenuto a battesimo da Mircea Lucescu e continuato da Paulo Fonseca e Luis Castro. Ecco perchè il club ucraino, stabilmente in Champions League negli ultimi 20 anni, avrebbe messo sul piatto un contratto triennale da 3 milioni di euro a stagione più il bonus di uno al momento della firma.



“Nessuno scoop, parlerò io!”

Incalzato dalle domande dei cronisti, De Zerbi ha voluto subito fare chiarezza circa il proprio futuro, anche per rispetto verso un Sassuolo ancora in corsa per la zona Europa League:

Il discorso è semplice e ho parlato anche con i ragazzi. Scrivono che ho firmato a destra o a manca, ho detto a loro che i primi a saperlo saranno loro, insieme alla mia società, per correttezza e riconoscenza, che è una cosa che a me non manca. Ci può essere la possibilità che vada via come non ci può essere e non è una questione di non dirlo per far sì che i giocatori tirino fino alla fine, i giocatori sono seri per andare avanti con me o senza di me, non dipende da questo, sarò io a dirlo ma non un sito, uno scoop, perché scoop o segreti non ce ne sono, a me piace far la cosa in maniera chiara e corretta

Copy:  AS17