Gli Europei sono ormai alle porte ma, visti gli insuccessi degli ultimi anni, l’Olanda non parte certo in pole position per la vittoria finale. A maggior ragione da quando Rambo Koeman ha scelto di lasciare la Nazionale Oranje, che a poco meno di un anno dall’inizio del torneo continentale si è trovata costretta a cominciare un nuovo progetto tecnico, affidato a Frank de Boer, icona olandese quando era calciatore ma che, negli ultimi anni, in panchina ha collazionato diversi fallimenti…



“Se lo sapesse Cruijff…”

Tante le critiche incassate da de Boer in questi primi mesi da c.t., specie dopo l’amichevole pareggiata per 2-2 contro la Scozia che avrebbe dovuto rappresentare la prova del nove in vista dell’Europeo. Tra i tanti detrattori del c.t. olandese, un po’ a sorpresa c’è anche il suo gemello Ronald de Boer, che nel corso di un’intervista rilasciata a ‘De Telegraaf’ non ha certo risparmiato critiche al fratello:

Credo che vedendo l’Olanda giocare così, Johan Crujff si rivolterebbe nella tomba. Ma lo farebbe anche nelle partite del Barcellona con Ronald Koeman, a dire il vero. Frank è un seguace di Van Gaal: ha imparato molto da lui, ma anche da altri allenatori. Pochi conoscono i calcio come lui…

Nonostante il tentativo di recupero nel finale, le parole di Ronald de Boer hanno subito fatto il giro del web, mentre in Olanda cresce il partito degli scettici nei confronti dell’attuale c.t. Del resto, se nemmeno suo fratello gemello sembra credere in lui, perché mai dovrebbero farlo gli altri?