Sceneggiatura perfetta. Il titolo NBA 2020 se lo giocheranno LA Lakers e Miami Heat, brave a conquistare le Finals ai danni, rispettivamente, di Denver Nuggets (4-2) e Boston Celtics (4-2). Tutto pronto per la nuova sfida di Lebron James…

Un uomo in missione…

Lebron James ha conquistato la decima apparizione alle Finals NBA. Ci teneva a tornare all’atto finale, voleva farlo alla guida dei suoi LA Lakers (che mancavano l’appuntamento con le Finals dal lontano 2010). King James è in missione. Sa che, per convincere tutti, deve vincere l’anello NBA (sarebbe il suo quarto titolo). Dovrà farlo sfidando il suo passato, ovvero quei Miami Heat con cui ha vinto due titoli NBA insieme a Dwayne Wade e Chris Bosh (2012 e 2013). La stella di Lebron James, 35 anni, continua a brillare sempre di più… Ora l’attende una sfida delicata. Miami non ha intenzione di fare da agnello sacrificale, come spiegato bene dalla sua superstar Jimmy Butler…

Sapevamo che prima o poi avremmo affrontato LeBron da oltre un decennio, se vuoi vincere il titolo, prima o poi devi vedertela con lui. Devi continuare a sbattere la testa contro di lui e il tuo obiettivo continuerà a essere quello di battere James. Per farlo abbiamo solo un modo: essere al limite della perfezione con esecuzione e resa sul parquet, altrimenti non possiamo sperare di avere la meglio sui Lakers.

Sfida già chiusa?

Secondo diversi addetti ai lavori, i LA Lakers avrebbero già in mano il titolo NBA. In realtà, Miami ha già dimostrato di essere una squadra che non molla. Ha un gioco fluido in attacco e sa difendere (attenzione al signore dell’area degli Heat, ossia Bam Adebayo). Inoltre, coach Erik Spoelstra conosce perfettamente pregi e difetti di Lebron James (insieme hanno vinto due anelli a Miami). Insomma, potrebbe essere una serie lunga…