La maggior parti degli esperti crede che, per quanto riguarda l’Est, il titolo (e il conseguente accesso alle Finals NBA) se lo giocheranno i Brookyn Nets (con un certo James Harden in più) e i Milwaukee Bucks dell’MVP Giannis Antetokounmpo. In realtà ci sarebbe una franchigia pronta a sorprendere tutti…

La voglia di coach Stevens

Domanda secca: i Boston Celtics sono una squadra da titolo? La risposta, altrettanto secca: assolutamente sì. La squadra di coach Brad Stevens ha tutte le carti in regola per arrivare fino in fondo. Al suo ottavo anno alla guida dei biancoverdi, coach Brad Stevens punta all’ultimo salto di qualità. Ad oggi ha raggiunto per ben tre volte le finali di conference ma lì si è sempre fermato (lo scorso anno per colpa di Miami Heat). Quest’anno, vuole andare oltre e godersi le prime Finals della sua carriera. Il roster è di primissimo livello. Non c’è una vera e propria superstar ma tantissimi ottimi giocatori, alcuni speciali come Jayson Tatum, il vero talento del gruppo. L’ex Duke ha solo 22 anni ma gioca già come un veterano. Ci sono poi veri guerrieri come Marcus Smart, l’anima degli attuali Celtics. I punti li garantiscono gente come Kemba Walker (attualmente alle prese con un infortunio al ginocchio ma tornerà) e Jaylen Brown. Sotto le plance, la presenza di Tristan Thompson, giunto dai Cavs, fa comodo. Insomma, i Celtics sono una squadra completa e profonda. L’inizio della regular season lo sta dimostrando: hanno tutto per arrivare fino in fondo… La ricetta di coach Brad Stevens è chiara…

Dobbiamo lavorare duro e pensare ad una gara alla volta. Sappiamo quello che dobbiamo fare. Siamo cresciuti mentalmente…

Alla ricerca del titolo numero 18

Vedere i LA Lakers di LeBron James portarsi a casa l’anello non ha fatto piacere ai tifosi biancoverdi. Il sogno è ribattere immediatamente ai gialloviola vincendo il titolo 2021. Sarebbe il numero 18 della storia dei Celtics. L’ultimo è arrivato nel lontano 2008, quando c’era il mitico trio Garnett-Rondo-Allen.