Ora, finalmente, ci siamo. Dopo mesi di grande attenzione mediatica, ora per la Roma di José Mourinho è arrivata l’ora di far parlare il campo: il playoff di Conference League contro il Trabzonspor rappresenta infatti l’esordio ufficiale dello Special One sulla panchina giallorossa.



Mou non vede l’ora

C’è grande aspettativa per la Roma di Mou: il portoghese torna in Italia undici anni dopo l’addio all’Inter del Triplete. Queste le sensazioni dell’allenatore alla vigilia del match contro i turchi:

Sono pronto. Sono preparato, non mi piacciono le amichevoli, voglio giocare partite vere. Forse non avremo la squadra più forte e ci manca un po’ di esperienza, ma non posso che essere felice dei miei ragazzi perché hanno un grande potenziale. Nessuno può impedirci di pensare di vincere sempre la partita successiva. Questo deve essere il nostro atteggiamento



“Fiero di questo mercato”

Dal campo al mercato, Mourinho si dice pienamente soddisfatto delle operazioni condotte in porto dalla dirigenza capitolina, nonostante qualche imprevisto che ha cambiato i piani in corsi:

Lo avevamo programmato diversamente poi sono subentrati fattori imprevedibili come l’infortunio di Spinazzola e l’addio di Dzeko che ci ha sorpreso perché pensavamo di iniziare con lui la stagione. Ora mancherà qualcosa rispetto a quello che avevo pensato inizialmente, ma posso comunque solo ringraziare la Roma