Mondiale ogni 2 anni? Lloris dice no: ecco perché…

Obiezione!

Fa discutere la proposta da parte della Fifa di accorciare a due anni l’intervallo di tempo tra un Mondiale e l’altro, un’eventualità che non piace a Hugo Lloris:

So che si sta valutando l’idea di accorciare i tempi fra un Mondiale e un altro. Non ho tutti i dettagli per decidere, ma posso parlare della mia esperienza. Ritengo che un mondiale debba conservare quelle caratteristiche che lo hanno reso speciale negli anni. Per me un Mondiale deve giocarsi ogni quattro anni. Sono cresciuto così, con l’attesa di vederlo diluito in questo tempo. Qualora decidessero di cambiare ne prenderemo atto, ma spero che le decisioni siano presi per il calcio e i calciatori. L’ultima parola comunque spetta alle autorità deputate a decidere.

Pronti per il Belgio!

Dopo la prematura eliminazione agli ultimi Europei, la Francia ha l’occasione di rifarsi in Nations League, ma per raggiungere la finale e alzare il trofeo, i galletti d’oltralpe dovranno battere il Belgio, un’impresa alla portata secondo Lloris:

Scorrendo le formazioni, c’è sempre qualcuno di diverso. Quel che non è cambiato, dal 2016 in poi, è che Belgio e Francia sono state sempre favorite. Evidentemente c’è una base di altissima qualità. Sappiamo cosa aspettarci, dobbiamo essere all’altezza di una grande partita di calcio. La Francia comunque ha ritrovato competitività. I giocatori hanno ritrovato ritmo e serenità anche perché la finestra di calciomercato si è chiusa. Sento energia positiva nell’aria, c’è la consapevolezza di voler alzare un trofeo.