Il Milan non si ferma più: i rossoneri ribaltano l’iniziale vantaggio del Parma e allungano così la striscia d’imbattibilità a 7 partite con il 3-1 rifilato ai ducali, agganciando il Napoli al sesto posto in classifica. Scopriamo insieme i top e i flop del match di San Siro…

Top

Kessie: sta bene e si vede! Il nuovo ruolo davanti alla difesa ne esalta fisicità e senso tattico: riecco (finalmente) il carro armato che tanto piaceva ai tifosi. E che segna anche con continuità (terza partita di fila) gol di pregevole fattura. Voto 7,5

Calhanoglu: altro giocatore letteralmente rigenerato da Pioli , che dopo averne individuato l’area di competenza, gli ha restituito fiducia e serenità. Classe e visione di gioco degne dei grandi numeri 10 del passato. Voto 7

Kulusevski: moto perpetuo sulla fascia e un talento che matura di partita in partita. La sensazione è che la Juve abbia fatto davvero un grande colpo bruciando la concorrenza e assicurandosi le sue accelerate. Voto 7

Flop

Conti: sulla sua fascia i rossoneri soffrono parecchio. Spesso in ritardo nelle chiusure, incerto nei movimenti, il buon Andrea perde la bussola e finisce per commettere qualche fallo di troppo. Voto 5

Rafael Leao: tanto fumo e poco arrosto, come spesso gli è capitato nel corso della stagione. Dopo le buone prestazioni delle ultime settimane non riesce a trovare quella continuità di rendimento che gli farebbe guadagnare fiducia e serenità. Voto 5

Gervinho: il gol che si mangia nel finale di gara grida ancora vendetta. La sensazione è che la frattura di gennaio con l’ambiente non si sia ancora ricucita e l’addio a fine anno sembra ormai inevitabile. Voto 4,5