Se lo chiamano lo Special One, un motivo ci deve pur essere. E, in effetti, sentir parlare Josè Mourinho suscita ogni volta emozioni decisamente contrastanti in chi lo ascolta. Solo che questa volta, pur di esaltare il momento d’oro del suo Tottenham, reduce da tre vittorie consecutive in Premier, il tecnico portoghese se n’è inventata un’altra delle sue, ammettendo candidamente che la sua squadra è sì da titolo, ma forse non in Premier:

Questa squadra potrebbe vincere il titolo in molti campionati europei, ma la Premier League è il torneo più difficile da vincere



“Non dipende da noi”

Da grande comunicatore qual è, Mourinho sposta infatti dal centro dell’attenzione la sua squadra (attualmente seconda a -1 dalla capolista Leicester), caricando di pressione le altre ‘big’ di Premier, al momento attardate in graduatoria:

Puoi fare una buona stagione, fare tanti punti ma quando ti ritrovi con Liverpool, Manchester City, Chelsea, Manchester United, Leicester, Arsenal, può non bastare per diventare campioni

Tutto vero, e ci mancherebbe, ma la favola del Leicester di Ranieri dimostra piuttosto quanto la Premier sia il campionato europeo più aperto a qualsiasi tipo di scenario e forse anche per questa ragione è considerato il più affascinante in assoluto nel Vecchio Continente.