Litigare è bello, nell’amore come nel calcio: una rissa tra compagni di squadra andrebbe censurata e sanzionata, ma non tutti la pensano così…

Finalmente!

Vedendo Lloris e Son a muso d’uro l’uno contro l’altro, Josè Mourinho si era addirittura compiaciuto, commentando positivamente l’accaduto: “Così è bello”. Ma il tecnico del Tottenham non è il solo a pensarla in questo modo, anche l’ex Spurs Dimitar Berbatov ha accolto con entusiasmo il battibecco tra il francese e il coreano:

Non ricordo l’ultima volta che gli Spurs hanno fatto una cosa del genere. Sono stati sempre molto controllati, privi di rabbia. È stata una piacevole sorpresa del tipo ‘che ca**o, finalmente!’. Lloris è il capitano e quello ed è il suo lavoro di far sapere agli altri che bisogna fare meglio.

Fuori gli attributi!

La lite tra Lloris e Son ha rappresentato per Berbatov una dimostrazione di carattere da parte di una squadra che in passato ha suscitato l’impressione di non possedere la giusta carica:

Certo, aspettare di essere nello spogliatoio sarebbe meglio ma in quel momento può essere un impulso incontrollabile. Era qualcosa di passionale e necessario. Quando il capitano dice qualcosa te la prendi e cerchi di fare meglio. Questo, mostra che ci tieni, che hai voglia di vincere e hai la forza per farlo. Se alcuni giocatori non fanno il loro lavoro, gli altri devono farglielo sapere, anche arrivando a litigare.