Fino a qualche giorno l’Austria non aveva mai vinto una partita nella fase finale dell’Europeo: ora, grazie alle due vittorie ottenute contro Macedonia del Nord e Ucraina, si ritrova agli ottavi dove affronterà l’Italia di Roberto Mancini. Mica male per una matricola, che ora -senza paura- si prepara a riscrivere la storia…



Foda, un italiano contro l’Italia

E pensare che l’artefice del miracolo Austria è…un italiano. Almeno d’origine, perché Franco Foda è nato in Germania da padre veneziano e madre tedesca: le radici italiane si riflettono anche nella scelta dei nomi dei figli del c.t. austriaco, che si chiamano Sandro e Marco. Foda però non è un tipo che si intenerisce, anzi. L’amore per l’Italia conta fino ad un certo punto, anche perché di fronte c’è la possibilità di riscrivere la storia del piccolo paese alpino:

Potrebbe sembrare una sfida impossibile per noi, perché gli Azzurri non perdono da una vita, ma prima o poi succederà. In ogni caso siamo comunque contentissimi di essere arrivati fin qui. Abbiamo realizzato qualcosa di straordinario, abbiamo fatto la storia. I nostri sostenitori sono stati favolosi, hanno urlato il mio nome. Sono momenti che vanno goduti fino in fondo, ma ora abbiamo già la testa all’Italia.

Comunque vada a finire la partita con l’Italia, l’Austria ha già centrato il miglior risultato di sempre in un campionato Europeo: mai la Nazionale austriaca era riuscita a superare la prima fase, cosa che invece era riuscita ai Mondiali del 1982.