Dici Cristiano e pensi subito a Ronaldo… Nessuno infatti sapeva chi fosse e da dove venisse il terzino della matricola Sheriff, capace di stendere il Real al Bernabeu… Si chiama Cristiano anche lui, è brasiliano e può vantare il primato nella classifica degli assist in questa edizione della Champions League! Glielo avessero detto, non ci avrebbe creduto neppure lui, che fino a qualche tempo fa lavorava come operaio in un cantiere navale di Rio… I sogni però a volte si avverano e il ragazzo brasiliano che pitturava le barche si scopre di colpo protagonista sul palcoscenico più scintillante del calcio europeo! Sognare in fondo non costa nulla…

Rimboccarsi le maniche

Messo alle strette dalle difficoltà economiche della famiglia, Cristiano si rimbocca le maniche e comincia a lavorare sodo, rinunciando al calcio, ma il destino saprà ripagare i suoi sforzi:


Avevo lasciato il pallone e ho cominciato a lavorare in un cantiere di Rio. Ero sotto contratto con due aziende diverse, per aiutare mia madre che in quel momento non aveva un lavoro. Il mio compito era dipingere e pulire barche e sottomarini.