Tutto in 90′. E poi (forse) in altri 90′: la salvezza del Benevento dipende, in questo momento, solo da Inzaghi. E non stiamo parlando di Pippo, allenatore dei Sanniti, bensì di Simone, tecnico della Lazio, che battendo il Torino nel recupero potrebbe regalare altri 90 minuti di speranza al fratello e ad una città intera, sprofondata nella depressione più nera dopo il pareggio agguantato in pieno recupero dal Crotone.



“Abbiamo ancora una speranza”

Ora al Benevento non resta che sperare che il Toro non faccia punti con la Lazio per poi giocarsi tutto all’Olimpico Grande Torino contro i granata domenica sera, in quello che diventerebbe un vero e proprio spareggio salvezza. Inzaghi (Filippo, questa volta) lo sa e spera nell’aiuto del fratello Simone:

Abbiamo ancora una speranza, speriamo di giocarcela all’ultima. Dobbiamo farci un esame di coscienza. Se facciamo 20 tiri e non la chiudiamo c’è un problema, non è possibile che il portiere avversario sia sempre il migliore in campo. La squadra di Cosmi non ci ha fatto regali com’è giusto che sia, se la Lazio batte il Toro possiamo giocarcela coi granata. Su cosa succederà lo valuteremo con la società, ma bisogna essere uomini nel bene e nel male ed ammettere che nel girone di ritorno non siamo stati all’altezza. Abbiamo ancora qualche speranza, attacchiamoci a quella