Rinascere a 28 anni mettendo a tacere tutte le voci che lo davano per finito, dopo aver raggiunto l’apice della propria carriera a soli 22 anni, segnando il gol decisivo in una finale di Coppa del Mondo. Per farlo, Mario Götze ha scelto di lasciare la Germania, da sempre la sua comfort zone, per rimettersi in discussione in un altro Paese e in un altro campionato. Ecco perchè, in estate, ha deciso di accettare l’offerta del PSV Eindhoven: una scelta che gli ha permesso di rimettersi in gioco e riscoprirsi ancora decisivo…



“PSV, la scelta giusta!”

Lo score di Mario Götze con la maglia del club olandese, del resto parla chiaro: 4 gol e 3 assist in 13 partite, numeri che sanno di rinascita. Il calciatore tedesco sente di aver fatto la scelta giusta, come ha confessato ai microfoni della Bild:

Il mio stato attuale di forma si capisce da quanto sto giocando. A gennaio mi sentivo a livello due, ora siamo a nove e sento di poter arrivare a dieci. Da una parte è perchè sto giocando praticamente tutte le partite, dall’altra perchè stiamo facendo bene in tutte le competizioni. E questa combinazione mi fa davvero sentire bene



Futuro (ancora) in Germania?

Se il presente di Götze è in Eredivisie, il futuro potrebbe essere ancora una volta in Bundesliga, il campionato che ha vinto sia con la maglia del Dortmund che con quella del Bayern. Queste le sue parole:

Non voglio escludere la possibilità di un ritorno in Bundesliga, è un’opzione che per me è possibile. Ma ora sono a Eindhoven e sono totalmente concentrato sui nostri obiettivi