Lo avevamo lasciato con le braccia larghe e la maglia bianconera addosso mentre esultava dopo l’ennesimo gol, lo ritroviamo oggi come allenatore di serie C. Totò Di Natale è pronto a mettersi la tuta e cominciare la sua carriera di allenatore: lo aspetta una sfida impegnativa quanto difficile: raddrizzare la stagione di una Carrarese in crisi nera e scossa dalle dimissioni di Silvio Baldini.



“Persona di indubbie capacità”

La Carrarese, attualmente quindicesima nel girone A di serie C e reduce da ben 5 sconfitte consecutive, ha deciso di puntare tutto su Di Natale in seguito all’addio di Silvio Baldini, motivando la propria scelta con un comunicato apparso sul proprio sito ufficiale:

Si comunica che, dopo aver stretto contatti con alcuni altri allenatori, la scelta per la guida tecnica della Prima Squadra e’ ricaduta sul Sig. Antonio Di Natale che e’ persona di indiscussa fama calcistica e  di indubbie capacita’ e competenze tecniche. Per il tesseramento del Sig. Antonio Di Natale saranno avviate le istanze del caso al Settore tecnico per consentirgli, in deroga, la possibilita’ di assumere compiutamente l’incarico.



Prima volta ‘tra i grandi’

Dopo l’addio al calcio nel 2016, Di Natale ha iniziato la nuova carriera in panchina nel 2018 prima come collaboratore tecnico dello Spezia e poi come mister dell’Under 17. Dallo scorso settembre ha frequentato il corso a Coverciano per poter allenare fino alla Serie C ed essere mister in seconda in Serie A e B, percorso che però non ha ancora completato: di qui la deroga richiesta dalla Carrarese alla federazione per poter ufficializzare l’incarico. Di Natale, alla sua prima esperienza in panchina, è stato giocatore di Silvio Baldini a Empoli, tra il 1999 e il 2003.