Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Kulusevski, Paratici e quel dispetto a Conte…

Antonio Conte e Fabio Paratici si sono ritrovati al Tottenham e hanno messo a segno il colpo Dejan Kulusevski, pupillo di entrambi

Dopo aver lavorato insieme alla Juventus, Antonio Conte e Fabio Paratici si sono ritrovati a Londra, dove condividono l’esperienza al Tottenham: negli anni tra i due si è creato un rapporto personale prima ancora che professionale, eppure non sono mancati alcuni ‘dispetti’ in sede di mercato…



“Quando Paratici mi rubò Dejan…”

Il primo ‘screzio’ (se così si può chiamare) tra i due portava il nome di Dejan Kulusevski: l’esterno svedese, esploso con la maglia del Parma nel campionato 2019/20, è finito sia sul taccuino di Conte, all’epoca allenatore dell’Inter, che su quello di Paratici, allora direttore sportivo della Juventus. Alla fine a spuntarla fu quest’ultimo, che pur di accaparrarsi il giocatore mise sul piatto qualcosa come 44 milioni di euro, bruciando l’Inter di Conte e Marotta. Una circostanza che il tecnico salentino, oggi al Tottenham, ha ricostruito così, tra il serio e il faceto, ai microfoni di Standard Sport:

La prestazione di Dejan contro il City non mi ha stupito affatto, perché lo ammiro da quando ero all’Inter. In pratica ho dato un suggerimento a Paratici. ha voluto tagliarmi fuori dall’affare non per rafforzare la Juventus, ma solo per danneggiare me. Una strategia di mercato, in quel momento forse la Juventus era più forte di noi sul mercato

Kulusevski, ma non solo. Conte e Paratici in passato si sono dati battaglia anche per Romelu Lukaku, obiettivo di mercato di Juve e Inter nell’estate del 2019:

Paratici aveva anche provato a prendere anche Lukaku per la Juventus perché sapeva benissimo che mi piaceva e lo volevo nella mia squadra di allora

Come poi sia andata a finire lo sanno tutti: Conte riuscì a convincere Big Rom a scegliere l’Inter, facendone il valore aggiunto della squadra. E chissà che, come successo con Kulusevski, Conte e Paratici non decidano di tornare alla carica per il loro vecchio pupillo, oggi in difficoltà nel Chelsea…