E’ stato, insieme a Mbappe’, l’altro grande protagonista della netta vittoria del PSG in Champions contro il Barcellona, segnando anche il gol del definitivo 1-4 con una schiacciata di testa che non ha lasciato scampo al portiere avversario. Moise Kean, ad appena 20 anni, si sta imponendo sulla scena internazionale a suon di gol: un rimpianto per il calcio italiano?



Già nella storia della Champions

Dopo aver riscritto la storia della serie A, diventando il primo millennials a fare gol nel campionato italiano, con i gol segnati in Champions contro l’Istanbul Basaksehir ormai qualche mese fa, Kean ha infranto un altro record: a 20 anni e 234 giorni è diventato il calciatore italiano più giovane di sempre a realizzare un gol nella sua prima presenza da titolare, superando un’icona come  Alessandro Del Piero (20 anni e 308 giorni).



Che impatto a Parigi!

Moise, arrivato al PSG la scorsa estate in prestito dall’Everton, ha già segnato 14 gol con la maglia dei parigini: 10 in campionato, 3 in Champions e uno in Coppa di Francia. Un impatto importante, quello del giovane talento ‘made in Italy’, che ha fine gara ha avuto anche un pensiero per la Juventus, la squadra che l’ha formato e fatto esordire nel grande calcio:

A Parigi sto facendo molto bene, siamo un gruppo magnifico, tutti mi hanno accolto bene, lo staff mi ha seguito tutti i giorni per migliorarmi al 100%. Ma non ho dimenticato la Juve, sarà sempre nel mio cuore. È la prima squadra che mi ha fatto esordire, non la dimenticherò mai. Guardo sempre le partite