Ricordate il Tiro della Tigre di Mark Lenders, così potente da squarciare la rete? Se pensavate che roba del genere si vedesse solo nei cartoni animati, beh, vi sbagliavate… Accadde davvero in uno Juve-Samp di 67 anni fa, quando Karl Hansen sfondò anche lui la rete proprio come il centravanti nipponico del celebre manga Holly e Benji

Hansen e Vivolo

5 aprile 1952. Al Comunale di Torino si rappresenta Juventus-Sampdoria, gara valida per la nona giornata del campionato di Serie A. I padroni di casa conducono per 2-1 grazie ai gol di Karl Hansen e Vivolo, in mezzo ai quali fa capolino l’autorete di Manente che aveva permesso ai blucerchiati di pareggiare.

Rete squarciata

E proprio Hansen e Vivolo sono i protagonisti del singolare episodio che ci apprestiamo a raccontare. Vivolo crossa in mezzo, il pallone spiove al limite dell’area doriana, Hansen non ci pensa su due volte e calcia al volo, di prima intenzione. La palla entra in porta, ma continua la sua corsa verso la Maratona.

Gol fantasma

Cala il silenzio sul Comunale, incredulità e stupore in campo e sugli spalti: il tiro di Hansen era potente, bruciante a tal punto da aver addirittura squarciato la rete. Ancora sbigottiti, Manente e Muccinelli per primi vanno a richiamare l’attenzione dell’arbitro Piero, che, non soltanto non convalida il gol, ma nemmeno controlla, come il regolamento impone, l’integrità della rete. Quando l’apparenza inganna e si fa beffa della realtà.