Non c’è dubbio: il 2021 è stato il grande anno di Jorginho. Nel giro di pochi mesi, l’oriundo ha infatti fatto incetta di trofei: dalla Champions League all’Europeo, dalla Supercoppa Europa conquistata con la maglia del Blues fino alla vittoria del premio Uefa dedicato al Giocatore dell’anno. Una stagione perfetta che potrebbe essere il preludio al riconoscimento individuale più ambito al mondo: il Pallone d’Oro



“Pallone d’Oro? Prima la Juve!”

Jorginho pensa in grande, ma lo fa passo dopo passo. Il centrocampista del Chelsea sogna il Pallone d’Oro, ma pensa prima alla partita di Champions contro la Juve, come rivela ai microfoni della Gazzetta dello Sport:

Al momento, nei miei pensieri c’è la partita contro la Juventus, ma ho ancora alcuni trofei per cui lottare quest’anno: la Nations League con la Nazionale a ottobre e poi il Mondiale per club con il Chelsea, a dicembre. Il 2021 è stato straordinario e mi sto godendo questo momento. Già essere considerato un candidato credibile per il Pallone d’oro mi rende orgoglioso. Se dovesse accadere sarebbe fantastico, ma siamo sul campo delle ipotesi. Se sarà, penserò a tutto quello che di buono ti può dare un premio prestigioso come questo. Ora voglio stare con la testa sul pezzo: giocare e cercare di vincere, con il Chelsea e con l’Italia



“Sarà speciale ritrovare gli Azzurri”

L’incrocio con la Juve per Jorginho significa ritrovare gli ex compagni protagonisti della cavalcata che ha riportato gli Azzurri sul tetto d’Europa. Un’emozione in più per l’oriundo, che però mette in guardia i suoi dal sottovalutare i bianconeri, ancora feriti dopo un avvio di stagione in sordina:

La Juventus è una grande squadra con una grande storia. Per me sarà una serata speciale: è la prima volta dal giorno del mio trasferimento al Chelsea che affronto da avversario una squadra italiana. La Juve è forte, è in ripresa in Serie A, va affrontata con il massimo rispetto e con concentrazione totale. Ritrovare Chiellini, Bonucci, Locatelli e Chiesa sarà un’emozione in più. All’Europeo abbiamo vissuto insieme un’avventura straordinaria che ha segnato le nostre carriere e le nostre vite