Da quando Gattuso siede sulla panchina del Napoli, Lorenzo Insigne sembra più maturo e consapevole, ma per spiccare definitivamente il volo, il fantasista azzurro deve seguire il consiglio del proprio allenatore…

Allegria!

Non ha dubbi Gennaro Gattuso sul talento di Lorenzo Insigne, ma proprio per questo il tecnico partenopeo non si accontenta e chiede di più al suo miglior elemento:

Mi aspetto ancora di più, è il capitano, voglio vederlo con meno muso, non è più un 23enne, deve fare questo salto di qualità. Deve migliorare quest’aspetto. Poi tecnicamente e per il sacrificio è impeccabile, ma lo vorrei più allegro, non deve fare 2-3 giorni di mutismo quando si spegne la luce. Ma lui lo sa.

Sangue e sudore

Il modulo non conta, per vincere occorrono umiltà, spirito di sacrificio e fatica, parola di Ringhio:

Si è parlato molto di moduli, a me sembra di sognare. Io su un centinaio di partite ho sempre fatto il 4-3-3, è il mio modulo, col 4-2-3-1 ne ho fatte 4-5. Non è una questione di modulo, di numeri: i giocatori forti bisogna farli giocare ma se non ci mettiamo in testa che serve una corsa in più qualcuno deve restare fuori. Non è un problema di modulo, ma di voler far fatica.