Povero Umtiti, che fine hai fatto! L’esperienza blaugrana ha riservato sin qui al difensore francese più dolori che gioie…

Ai margini

Finto ai margini della rosa del Barça, Samuel Umtiti lavora sodo in attesa di una chance per riscattarsi:

Siccome non parlo, la gente pensa che io non faccia nulla, che passi tutto il giorno sul divano. Ma in realtà ho lavorato tantissimo, fisicamente sto meglio ora di quando sono arrivato al Barcellona e spero di avere l’opportunità di dimostrarlo.

Fischi e solitudine

Fischiato dal pubblico del Nou Camp e ostracizzato da Ronald Koeman, Umtiti vive da separato in casa a Barcellona, ma non molla, deciso a prendersi la rivincita sugli scettici:

Non ho piani per lasciare la squadra, voglio portare a termine il mio contratto. I fischi al Gamper mi hanno fatto male. Io amo il Barça, ma sembra che non serva a nulla. Mi sono sentito solo e meno male che sono una persona forte. So che siamo sei centrali in rosa e so che per me è difficile ritrovare un posto, ma sono cocciuto. Voglio aiutare la squadra e spero di avere un’opportunità di dimostrare che sto bene. Ma questa situazione sta diventando un po’ dura.