È la stagione degli Oscar! Il campionato del Milan è finito e assegniamo i premi alla fine di questa stagione, che ha visto i rossoneri terminare al sesto posto. Un piazzamento certo insufficiente per la tradizione e il blasone della squadra, che ha pagato il brutto inizio. Rimane però negli occhi dei tifosi lo splendido cammino delle ultime dodici partite, che ha permesso al Milan di arrivare al primo posto di questa…”Coppa d’Estate”. Fantastico anche il rendimento del girone di ritorno con 41 punti conquistati, una media da Scudetto. Si riparte dunque da queste emozioni, nel giorno degli Oscar ai giocatori rossoneri.

Singoli episodi

EFFETTI SPECIALI: Il vincitore è …Rafael Leao, per il suo gol contro la Fiorentina. Il portoghese è partito ondeggiando come una danzatrice alla corte di Djakarta . Evita tre avversari con finte eleganti e sinuose per battere il portiere viola con tocco morbido.

FOTOGRAFIA: Il vincitore è… Zlatan Ibrahimovic.  Avrebbero gioito Richard Avedon o Henri Cartier Bresson, fra i fotografi più famosi della storia, se avessero lavorato dietro la porta di Consigli, portiere del Sassuolo. Il movimento elegante e spettacolare per colpire il pallone, siccome angelo, con un potente colpo di testa, avrebbe eccitato la fantasia dei due artisti della fotografia. Il capolavoro di Ibra Supremacy!

ANIMAZIONE: Il vincitore è… Ante Rebic. Nemmeno alla Walt Disney avrebbero disegnato, con la loro fantasia, l’azione del primo gol rossonero contro la Roma. La “Salamandra” mette in mezzo. Kessiè batte a colpo sicuro, il portiere Mirante devia, con superba reattività, il pallone sul palo. Pallone che ritorna a centro area, dove Rebic indirizza con sicurezza verso la porta quasi libera. “Quasi” perché Mirante appare all’improvviso, per respingere la sfera. Sulla palla si avventa ancora “Sacro Fuoco”, che insacca a porta vuota, dopo un flipper incredibile. Proprio da Disney Studios!

Meriti stagionali

SCENEGGIATURA ORIGINALE: Il vincitore è… Stefano Pioli. L’allenatore milanista si è messo davanti alle pagine bianche del suo copione e ha scritto una straordinaria storia di calcio. Il Milan domina, emoziona e vince, grazie a superbe prestazioni, a felici intuizioni tecnico-tattiche, a cambi azzeccati e intelligenti. Non sbaglia una scena Pioli, che viene confermato sulla panchina del Milan. Un film con una Happy End, una fine meravigliosa!

FILM INTERNAZIONALE: Il vincitore è… Theo Hernandez. Il giocatore spagnolo ha realizzato gol devastanti per potenza e precisione, dopo fughe che hanno trascinato l’entusiasmo degli estasiati tifosi del Milan. IL gol che gli ha garantito l’Oscar è quello realizzato contro l’Udinese, con una conclusione al volo, precisa e irresistibile, che non ha lasciato scampo al portiere bianconero.

ATTORE NON PROTAGONISTA: Il vincitore è… Hakan Calhanoglu. Ha cominciato le prime scene di questo suo lungo film, con qualche incertezza. Le sue ultime partite lo hanno visto però imporsi come autore di grandi gol, contro Parma, Bologna, Atalanta e Sampdoria, e di ispirati assist. Visionario il suo lancio per il gol di Rebic a Lecce e morbido il tocco a Ibra nella vittoria di Marassi.

ATTORE PROTAGONISTA: IL vincitore è… Gigio Donnarumma. Il portiere rossonero ha regalato parate impossibili, prodezze inimmaginabili, voli nel cielo di tutta Italia. A Sassuolo firma la sua partita numero 200, indossando poi la fascia di Capitano nelle ultime partite di campionato. Un capitano di 21 anni! Ah, dimenticavo… ha parato cinque rigori sui dieci subiti dal Milan. Emisfero destro dove risiede la intuizione sviluppatissimo per il giovane Gigio!

REGIA: Il vincitore è… Isamil Bennacer.  Si è seduto sulla sedia del regista   e ha diretto, con intelligenza e saggezza, i grandi attori milanisti, grazie alla sua corsa sempre rotonda, con la testa alta e lo sguardo vivo. Il Milan ha trovato l’erede dei suoi più grandi metronomi. Un regista giovane e dalla grandi prospettive, pronto a firmare altri capolavori!

MIGLIOR FILM: Il vincitore è… Milan-Juventus 4- 2. Un film avvincente, spettacolare, ricco di colpi di scena è stato premiato con l’Oscar della partita più bella. Sotto per 2-0, i rossoneri, guidati da Ibrahimovic, dimezzano su rigore, pareggiano con Kessiè, passano in vantaggio grazie alla rete di Leao e chiudono la performance con Rebic. Peccato che il teatro fosse vuoto, ma i milanisti di tutto il mondo hanno esultato, felici perché il Milan is Back!