Che fine ha fatto Dimitar Berbatov, l’uomo al centro di uno degli intrighi di mercato più assurdi della storia del calcio italiano?



Fiorentina e Juve beffate

Era il 31 agosto del 2012 quando l’attaccante bulgaro, scaduto il suo contratto con il Manchester United, sembrava ad un passo dall’avventura nella nostra serie A. Dopo aver raggiunto l’accordo con la Fiorentina, che lo aspettava in città per le visite mediche, Berbatov spiazzò tutti rimangiandosi la parola e trovando un altro accordo con la Juventus. Apriti cielo. Le due dirigenze, da sempre rivali, misero in scena una vera e propria cavalleria rusticana fatta di accuse reciproche e cavalcata puntualmente dai tifosi. Ma l’ennesimo colpo di scena era dietro l’angolo, perché Berbatov, alla fine, non avrebbe giocato nemmeno nella Juve. A poche ore dal gong del calciomercato, il bulgaro trovò infatti un accordo con il Fulham, società londinese certo meno blasonata dei bianconeri, ma che gli avrebbe consentito di continuare a vivere in Inghilterra, come desiderava la famiglia. Una beffa in piena regola per le nostre formazioni…



Oggi fa l’allenatore…gratis!

Oggi Berbatov ha deciso di intraprendere la carriera di allenatore, ma lo farà…gratis: l’ex attaccante di Tottenham e Manchester United è infatti entrato nello staff dell’Etar, formazione della massima divisione bulgara, dove ricoprirà il ruolo di vice-allenatore. E lo farà aggratis, con il fine di acquisire esperienza e maturare così il punteggio necessario per ottenere il patentino UEFA Pro. L’Etar, club della città di Veliko Tărnovo, occupa attualmente l’ultimo posto della Parva Liga, il massimo campionato bulgaro, con 11 punti raccolti in 16 gare. Entusiasta il Presidente del club Deyan Kuzdov:

Berbatov vuole aiutarci e crede che l’Etar sia un ottimo posto per iniziare la sua carriera di allenatore

Sperando che, almeno questa volta, Berbatov non ci ripensi…

Copy: Marcos Pérez