Nessuna nazionale di questo Europeo si identifica nel proprio giocatore simbolo quanto la Macedonia del Nord in Goran Pandev. Il Capitano del Genoa non è infatti semplicemente un calciatore macedone, ma riunisce sotto un unica bandiera il piccolo Paese balcanico con tutte le sue divisioni e contraddizioni interne: le sue lacrime in seguito all’insperata qualificazione all’Europeo raggiunta con la sua Nazionale hanno fatto il giro del web, illustrando una volta di più l’umiltà di un Campione che ha vinto tutto ma che è ancora capace di emozionarsi per la purezza del calcio.

Una qualificazione sudata

Per i macedoni si tratta della prima partecipazione alla fase finale di un torneo internazionale da quando, nel 1994, hanno ottenuto l’affiliazione alla federazione internazionale. Un risultato storico, quindi, ottenuto grazie alla vittoria nei playoff contro Kosovo e Georgia, dopo un girone di qualificazione chiuso al terzo posto dietro a Polonia e Austria.

Servirà un miracolo?

La sensazione è che, per passare il turno, alla Macedonia serva un piccolo miracolo sportivo: sulla carta il confronto con le avversarie del girone (Olanda, Ucraina e Austria) è piuttosto impari, ma il calcio è bello perché -spesso e volentieri- regala sorprese…

Il cittì 

Igor Angelovski è approdato sulla panchina della Nazionale nel 2015, dopo aver vinto tutto nei due anni alla guida del Rabotnički. Ex centrocampista di fama nazionale, Angelovski ha più volte indicato nel calcio italiano e in particolare in Arrigo Sacchi i suoi punti di riferimento calcistici.

Le stelle

Ovviamente lui, Goran Pandev: recordman di gol e presenze con la piccola nazionale balcanica che, a 37 anni, per la prima volta rappresenterà la Macedonia del Nord in una competizione internazionale. Il suo erede in Patria è considerato Elif Elmas, centrocampista del Napoli destinato ad un grande avvenire.

La formazione tipo

Macedonia del Nord (3-5-2): Dimitrievski; Ristovski, Velkovski, Musliu; Nikolov, Bardhi, Ademi, Elmas, Alioski; Pandev, Trajkovski. All. Angelovski