Dai ricordi di Luca Cigarini: l’ex regista di Parma e Napoli, oggi alla Reggiana in Serie C, si racconta, ripercorrendo le principali tappe della sua lunga carriera…

Gli inizi

Arriva a vestire la maglia della Reggiana a 35 anni suonati, ma Luca Cigarini sognava di indossarla già da bambino:

Iniziai nel Bismantova, da bambino, avrei voluto giocare nella Reggiana ma per la mia fascia di età mancava la squadra. Con papà, tuttora dirigente calcistico, decidemmo per il Parma, per qualificare la mia crescita. 

Top e Flop

Di maglie ne ha cambiate tante, ma il meglio di sè Cigarini l’ha offerto con quella dell’Atalanta:

Il top l’ho raggiunto forse nell’Atalanta, sono stato vicino all’Europeo del 2012 con la Nazionale di Cesare. Le uniche parentesi negative sono state a Siviglia e alla Sampdoria, per divergenze con gli allenatori. La migliore proprietà che ho avuto è la famiglia Percassi, a Bergamo. Con i direttori sportivi ho spesso litigato ed anche coi tecnici, tra cui Giampaolo alla Sampdoria.