CR7 all’Arsenal? Il portoghese giunse ad un passo dal vestire la maglia dei Gunners quella volta che andò a cena con Wenger e Dean…

Pareva fatta, ma…

Quando l’Arsenal mette gli occhi su un giovanissimo Cristiano Ronaldo, Arsene Wenger e David Dean si muovono in prima persona per vederlo all’opera e sono pronti a metterlo sotto contratto dopo avergli offerto la cena:

Torniamo indietro a quando Cristiano aveva 17 anni e giocava con l’Under-19 del Portogallo. Lo aveva notato il nostro capo scout, Arsene viene da me e mi dice ‘vuoi andare a vederlo giocare?’. E io gli ho detto di sì. Siamo andati a vederlo e mi ricordo che ha fatto bene. E a quel punto l’agente, che in quel momento era con noi, ci ha detto: ‘Beh, che ci crediate o no, Cristiano verrà con noi a cena’. Siamo andati in un ristorante non troppo affollato, era un ragazzo davvero gentile e mi ha anche dato la sua maglia. È una delle molte maglie di Cristiano che ho nell’armadio a casa, quella sera mi ha dato quella che aveva indossato in campo.

… il Diavolo ci mise lo zampino

Quando Wenger e Dean erano ormai convinti di avere in pugno Ronaldo, ecco il colpo di coda dello United:

Abbiamo discusso un po’ di soldi, poi il suo agente ci ha detto: ‘Beh, lasciamo che il ragazzo ci pensi su stasera’. E Cristiano ha aggiunto: ‘devo andare, il mio autobus sta partendo’. È salito su ed è andato a casa. Il giorno dopo io stavo ancora discutendo con il suo agente, ma sei ore dopo il Manchester United ce lo ha soffiato da sotto il naso.