CR7 come Giulio Cesare? Secondo Sir Alex Ferguson il paragone è quantomai azzeccato:

È fantastico, si è visto il sabato in cui è sceso di nuovo in campo, era come Giulio Cesare che torna a Roma dopo una vittoria. Veni, vidi, vici, è stato fantastico. Avremmo potuto avere un milione di tifosi dello United allo stadio e centinaia di milioni fuori, è una di quelle cose che non si dimenticano.

I sogni son desideri

Se Ronaldo è voluto fortemente tornare a Manchester, altrettanto fortemente aveva voluto trasferirsi a Madrid per realizzare un sogno, che Sir Alex non volle infrangere:

Andare al Real Madrid per lui era un sogno, non potevo impedirgli di andarci. È arrivato qui poco dopo il suo diciottesimo compleanno che era solamente un ragazzino di Madeira, è stato bellissimo averlo qui per sei anni. Penso abbiamo fatto la scelta giusta e ho avuto la possibilità di trovare un rimpiazzo. Ma quando è arrivato al Real Madrid, sapevo cosa sarebbe diventato, non avevo dubbi. A essere onesti, il Real è un club che per anni ha avuto calciatori di livello mondiale e ha vinto la Champions 13 volte. Bisogna ammetterlo, è un posto dove chiunque vorrebbe andare.