Eugenio Corini torna sulla panchina del Brescia. Il tecnico bresciano ha accettato di riprendere le redini della squadra della sua città al termine di una due giorni di fitti incontri con il Presidente Cellino.

“Come una vittoria”

E’ un Corini decisamente sorridente quello che si presenta in conferenza stampa per commentare il suo ritorno:

E’ un giorno per me emozionante e gratificante. Ci tengo a ringraziare tutta la tifoseria che mi ha fatto sentire una grande vicinanza e che mi ha fatto aumentare la responsabilità verso una squadra che sento mia… Questo ritorno puo’ aver contribuito ad appianare situazioni che avevano portato al mio allontanamento.

Patti chiari con Cellino

Un ritorno su cui Corini ha dovuto meditare, visti i recenti screzi con il Patron Massimo Cellino. Ecco allora che il tecnico ha svela un retroscena su come sono poi andate le cose:

Il ds mi ha avvisato domenica della possibilità di un mio ritorno. Io avevo espresso il desiderio di parlare col presidente col quale avevamo effettivamente divergenze, non c’era la sinergia giusta per affrontare le problematiche. Abbiamo chiarito certi aspetti…Quando ero a casa avevo pensato a come avrei reagito se fossi stato richiamato e avevo pensato anche che avrei potuto dire “no”. Ma ripeto: sento mia questa squadra e so che aveva bisogno di me.

Cellino e Balotelli

“Al Presidente non rispondo”

Un rapporto, quello con Cellino, che sembra però tutt’altro che ricucito, come fa intuire Corini nel prosieguo delle sue dichiarazioni:

Ho sofferto molto, ho avuto la forza di stare zitto nell’ultimo mese e non è stato facile… Potrei rispondere punto su punto su quello che il presidente ha detto di me ma sarebbe deleterio. Preferisco concentrarmi sulla richiamata che per me è già una vittoria.

“Balo, una risorsa”

Dopo i dovuti ringraziamenti a Fabio Grosso e al suo staff, Corini ha voluto spendere qualche parola anche su Mario Balotelli, entrato subito in contrasto con l’ormai ex allenatore bresciano:

Straordinario finalizzatore, per me è una risorsa, mi aspetto che migliori nella condivisione del sacrificio.

Mario Balotelli