Uno stadio intitolato a Cristiano Ronaldo. E’ questa l’ultima idea che arriva direttamente dal Portogallo, paese d’origine del cinque volte Pallone d’oro: l’ennesimo omaggio ad un campione che ha saputo ridare lustro ad un’intera Nazione.

In origine fu la statua…

In origine fu la statua: una colata di bronzo (non irresistibile, per dire la verità) collocata sul lungomare di Funchal, capoluogo dell’isola di Madeira dove il campione è nato e cresciuto.

…poi l’aeroporto

A Madeira tutto parla di Cristiano Ronaldo. Dal momento in cui si arriva nell’isola, al momento della ripartenza. Anche perchè sarebbe comunque inevitabile non imbattersi nel fuoriclasse portoghese, visto che l’unico aeroporto presente è stato dedicato proprio a lui! A partire dal 2017, infatti, i voli da e per Madeira partono tutti dall’Aeroporto Internazionale “Cristiano Ronaldo”.

Ora lo stadio?

Ma c’è di più. Lo Sporting Lisbona, prima club a credere nel talento di Ronaldo, starebbe ora pensando di dedicargli il proprio stadio, attualmente intitolato a José Alvalade, uno dei primi presidenti del club. La conferma arriva proprio per bocca di Frederico Varandas, attuale numero uno dei biancoverdi, ai microfoni di Tuttosport:

Si tratta di un’ipotesi che non accantoniamo e della quale, ovviamente, saremmo molto orgogliosi

Lo stadio, costruito ex novo per gli Europei del 2004 (disputatosi proprio in Portogallo e che hanno visto il trionfo della Grecia) è famoso nel mondo per i suoi seggiolini colorati (tecnica imitata anche dall’Udinese nella realizzazione della Dacia Arena) e può ospitare fino a 50mila spettatori.