L’America chiama Mario Balotelli. Il centravanti bresciano, già in rotta con il club della sua città, ha ricevuto -via social- un’inaspettata chiamata da parte della Major League Soccer, il campionato professionistico americano.

Rottura col Brescia?

Mario Balotelli è deluso. E anche parecchio arrabbiato. Deluso per i risultati, che inchiodano le sue Rondinelle all’ultimo posto in classifica della serie A e per il rapporto, mai sbocciato, con il nuovo allenatore Fabio Grosso, arrivato da poche settimane al posto di Corini e subito impostosi con un inaspettato pugno di ferro. Arrabbiato per le battutacce, francamente poco divertenti, del presidente Massimo Cellino che prima lo ha definitoun nero che prova a schiarirsi” e poi, non contento, ha anche espresso tutto il suo rimorso per la scelta di ingaggiarlo. Insomma, non ci vuole un indovino per capire che tra il Brescia e Balotelli siamo ad un passo dalla rottura.

Balotelli con la maglia del Brescia

La chiamata dagli Usa

E’ in questo contesto che arriva, inaspettata, la chiamata a stelle e strisce. Dall’account Twitter della rubrica ExtraTime, ecco spuntare infatti un post dedicato al numero 45:

Mario, vieni in America!

Per favore Mario, vieni a giocare in America“, si legge. E’ infatti Balotelli il sostituto designato di Zlatan Ibrahimovic:

Se stai ascoltando o guardando, Mario, vieni a gennaio. L’Inter Miami o i LA Galaxy sono le scelte piu’ intriganti, ma anche il Toronto FC potrebbe essere interessato. E che dire del Montreal di Thierry Henry? Non importa dove, ma abbiamo bisogno di Mario

Raiola ci pensa, ma…

Un’ipotesi, quella americana, tutt’altro che impossibile, visti anche i buoni rapporti tra l’agente Mino Raiola e i vertici del campionato americano. Balotelli però preferirebbe restare in Europa e, magari, giocarsi le sue carte al Galatasaray, squadra che nelle ultime ore si è mossa con decisione sul suo nome. L’alternativa potrebbe essere il Flamengo fresco vincitore di Campionato brasiliano e Copa Libertadores e già a caccia del sostituto di Gabigol.