Il grande tennis torna protagonista nel nostro Paese. Da oggi sino al 21 settembre vanno in scena, al Foro Italico, a Roma, gli Internazionali d’Italia di tennis, giunti all’edizione numero 77. Tanta l’attesa per vedere all’opera i maestri del tennis mondiale sulla leggendaria terra rossa romana…

Il grande ritorno di Nadal

La prima, vera, notizia è la presenza, in tabellone di Rafa Nadal. Il maiorchino ha scelto gli Internazionali di tennis di Roma per tornare a giocare dopo la forzata pausa. Rafa Nadal non gioca dallo scorso 1 marzo, quando si è imposto ad Acapulco ma conosce perfettamente l’atmosfera degli Internazionali d’Italia, avendo vinto il torneo capitolino ben nove volte (si è imposto nelle ultime due edizioni). Impossibile non considerarlo tra i favoriti per il successo finale…

Perchè amo Gli Internazionali? Beh, un torneo che vinci alla prima partecipazione e dopo una finale di oltre cinque ore contro un giocatore fortissimo sulla terra come era allora Coria non può che restarti nel cuore. E poi amo l’Italia, la sua cucina, la passione che mi riserva tutte le volte che vengo da voi. Mi regalate sempre ricordi indimenticabili”.

Non solo Nadal…

Purtroppo, a Roma, non ci saranno Dominic Thiem (vincitore agli US Open) e Alexander Zverev, in finale proprio nello Slam statunitense. Tuttavia, non mancheranno altri campionissimi. In particolare, riflettori puntati su Novak Djokovic, in campo dopo il fattaccio che gli è costato l’espulsione agli US Open. Attenzione anche alla nutrita banda degli italiani. Tra i tanti azzurri in gioco, riflettori puntati su Fabio Fognini e Matteo Berrettini, entrambi alla ricerca di un grande exploit al Foro Italico. In campo femminile, complici le assenze di Serena Williams e Naomi Osaka, tanta la curiosità di vedere all’opera Simona Halep. Occhio a Camila Giorgi… Una curiosità: l’ultimo azzurro ha vincere gli Internazionali d’Italia è stato Adriano Panatta nel 1976 mentre in campo femminile, l’impresa è riuscita a Raffaela Reggi nel 1985. Sarebbe bello rivedere un italiano conquistare Roma…