Russell Westbrook è una Superstar NBA. Dopo un solo anno agli Houston Rockets, il nativo di Long Beach pare deciso a fare le valigie e rimettersi in gioco altrove. A chi potrebbe essere utile il talento di Russ?

https://twitter.com/RussTakeover/status/1333467098132189193

Il bene e il male di Westbrook

Che sia un fenomeno, non è in discussione. Non si vince il titolo di MVP della regular season NBA per caso (stagione 2016/17). Attaccante dal talento sovraumano, è una macchina da punti, assist e rimbalzi. Insomma, una vera e propria Superstar NBA. Eppure, numeri alla mano, a livello di titolo NBA siamo a zero, esattamente come il suo numero di maglia. Dopo 11 anni ad OKC, Russ aveva scelto Houston per provare a vincere il suo primo anello, insieme a James Harden, stella assoluta, e coach Mike D’Antoni. Purtroppo è andata male. L’allenatore ha già fatto le valigie e pure il Barba ci starebbe pensando. Perchè mai Russell Westbrook dovrebbe restare? A 32 anni, lo “0” vuole lottare per il titolo. Il rapporto con James Harden è speciale (nonostante le malelingue) ma, a breve, potrebbero dividersi…

Dico sempre che ogni persona quando lavora ha una personalità diversa. Il fatto che io in campo abbia un determinato atteggiamento non significa che sia così anche fuori dal parquet. Molti pensano che sia così, ma non mi turba perché io so benissimo che tipo di persona sono…

A chi farebbe comodo?

La domanda è semplice: a quale franchigia potrebbe servire Russell Westbrook? Da più parti si continua a pensare che la sua naturale destinazione sarà Golden State. I Warriors hanno perso, nuovamente, Klay Thompson per infortunio e cercano un grande attaccante da affiancare a Steph Curry. Lo “0” vuole vincere l’anello, Golden State è in grado di competere per il titolo? Dal Barba a Steph Curry? Con Russell Westbrook tutto è possibile…